Roma - Via Ostiense, 2/4/6 e Viale degli Ammiragli, 5/7/9

Placca dentale: cos’è e come va rimossa

Placca dentale

La placca dentale si annida sulla superficie dei denti e negli spazi interdentali e se non rimossa correttamente può subire un processo di mineralizzazione e trasformarsi in tartaro.
A lungo andare, la placca può compromettere il bianco naturale dello smalto dentale e rendere i denti gialli e spenti.

Continua la lettura e scopri cosa c’è da sapere sulla placca batterica. Quando va rimossa? Come evitare danni ai denti e ritrovare un sorriso bello e luminoso?

Cos’è la placca dentale

La placca dentale è un biofilm di germi, una sostanza appiccicosa e trasparente, che colonizza la superficie dentale e che, se non rimossa, può causare problemi seri come: carie, infiammazione delle gengive e parodontite.

Possiamo distinguere 3 fasi che caratterizzano il processo di formazione della placca:

  • la formazione della placca per opera dei batteri che si nutrono degli zuccheri presenti all’interno della bocca
  • l’accumulo dei batteri e la creazione del biofilm
  • l’evoluzione, ovvero la proliferazione batterica con conseguente disgregazione dello smalto dentale.

La placca contiene acidi che attaccano lo smalto dentale, rendendolo meno compatto, privandolo del suo potere protettivo verso gli strati sottostanti del dente (dentina e polpa). Se non rimossa, la placca subisce un processo di mineralizzazione, che la trasforma in tartaro.

L’eccessivo consumo di zuccheri, una scorretta igiene orale o una saliva troppo acida, possono essere causa di placca dentale.
Un accumulo di placca può provocare una carie, una gengivite o una parodontite.
Inoltre la presenza di placca può favorire la recessione gengivale con conseguente creazione di tasche gengivali ed esposizione della dentina.
La presenza di placca può inoltre portare un altro problema che può creare imbarazzo nelle relazioni sociali: l’alitosi.

Esistono in commercio apposite pastiglie che rilevano la placca.
Attraverso una sostanza colorante che reagisce quando entra in contatto con la placca, queste pastiglie mettono in evidenza la placca batterica in modo da poterla rimuovere con facilità.

Come rimuovere correttamente la placca dentale

Un metodo per rimuovere efficacemente la placca dai denti è l’uso corretto e regolare di spazzolino e filo interdentale. La pulizia orale va effettuata dopo ogni pasto e praticata con maggiore attenzione la sera (momento in cui i batteri agiscono più facilmente).

Durante l’igiene orale quotidiana è molto importante pulire attentamente anche la lingua, è lì infatti che risiedono batteri e tossine che causano l’insorgere di patologie del cavo orale e alito cattivo.

Per prevenire l’insorgere di problemi, fissa ogni 6 mesi una pulizia orale professionale dal dentista.

UN CORDIALE BENVENUTO
DA WEDENTAL CARE

In questo orario i nostri studi sono chiusi. Lascia qui il tuo contatto e ti richiameremo domani.

La tua richiesta è stata registrata